VISIONE, COMPETIZIONE, SOSTENIBILITÀ: LA RINASCITA DI REFRIGERA INDUSTRIALE

a cura di Valentina

Roberto Sabatino, Direttore Operativo di Refrigera Industriale

 

Le storie di rinascita sono tra le più belle e affascinanti da raccontare e quella dell’azienda Refrigera Industriale, da alcune stagioni sponsor di Volley Treviso, è sicuramente un esempio di quanto volontà, pianificazione e passione riescano ad aprire tante possibilità.

L’azienda pordenonese, specializzata nella produzione di componenti per il settore della climatizzazione e della refrigerazione, finita in amministrazione straordinaria nel 2013, fu oggetto di un piano di rilancio da parte dall’attuale Direttore Operativo Roberto Sabatino, il quale elaborò un progetto di Change Management, che guardava all’innovazione ed al futuro attraverso un percorso che prevedeva l’introduzione di nuove tecnologie, nuova mentalità e nuovi processi, per puntare ad una posizione forte nel settore: “Il periodo successivo all’acquisizione è stato molto duro – ricorda Sabatino, manager con esperienze in una multinazionale del settore automotive – Mi sono dedicato completamente a ristabilire e perfezionare le relazioni sia coi fornitori che coi clienti, condividendo con loro le premesse del nostro piano industriale. Ho stretto collaborazioni preziose: penso in primis a quella con l’Università di Trieste, che in particolare ci ha permesso di avere un approccio accademico in tutte le fasi di progettazione e lavorazione”.

Approccio che, secondo Sabatino, dovrebbe essere adottato in tutte le aziende: “La cosa più importante che ho imparato è ‘conoscere per decidere’, capire quali sono i fattori chiave nel contesto in cui sei chiamato ad agire. Nel nostro caso ci siamo resi conto che le prestazioni energetiche dei nostri prodotti e la diffusione dei fluidi refrigeranti naturali in alternativa ai gas nocivi per l’ambiente avrebbero rappresentato gli elementi da tenere in forte considerazione per il successo dei prodotti, così ho cercato figure esterne all’azienda che con la loro competenza avrebbero potuto arricchire le nostre conoscenze sui materiali e sui processi di saldatura, al fine di creare prodotti innovativi e competitivi. Ci siamo specializzati nei sistemi funzionanti con refrigeranti a bassissimo impatto ambientale, proponendoci come partner per la fornitura di prodotti personalizzati e con elevate prestazioni”.

Una strategia fondata sulle competenze interne e sulle collaborazioni, in modo da dare ad ogni componente dell’azienda gli strumenti per lavorare al meglio e per farlo ‘suonare’ assieme agli altri, come in un’orchestra. E la stessa attenzione viene rivolta anche alle aziende clienti, delle quali Refrigera Industriale studia costantemente i bisogni per soddisfarli al meglio: “Quello che cerchiamo di costruire con i clienti non è un semplice rapporto acquisto-vendita, ma una vera e propria partnership per arrivare al prodotto perfetto”.

In quest’ottica, la valorizzazione del singolo come parte di un team che deve dare il meglio di sé è fondamentale, sia dal punto di vista produttivo che umano: “Il capitale umano è la vera potenzialità da esprimere. All’interno dell’azienda ho trovato molti professionisti, per cui il mio primo obiettivo è stato quello di valorizzare le competenze interne, accrescerle e stimolare una forte motivazione. Ho investito molto nel welfare aziendale: dalla palestra in azienda, attrezzata con i macchinari più moderni, all’arredamento degli uffici e agli strumenti di lavoro, alla mensa con i prodotti biologici, perchè vogliamo essere certi che ognuno dei 40 dipendenti maturi un forte senso di appartenenza alla società”.

La consapevolezza dell’importanza del lavoro di squadra è per Sabatino anche un retaggio delle esperienze sportive vissute: “Ho praticato diverse discipline e lo sport mi ha insegnato il senso dell’impegno, del rispetto delle regole e della tolleranza, le competizioni sono state l’occasione per misurare le mie capacità e il confronto con gli altri. Questi sono valori ben presenti in Volley Treviso, ed ecco perché Refrigera Industriale ha scelto di sostenerne la mission”. La partnership è attiva da alcune stagioni, ma la conoscenza con la società orogranata risale agli anni ’90, i tempi d’oro della Sisley: “Ho dei bellissimi ricordi di quegli anni: seguivo sempre la squadra, anche nelle trasferte importanti e perfino nei giorni lavorativi. Custodisco ancora gelosamente una tuta che mi venne regalata da Kim Ho-Chul, è sempre la mia preferita. Ho avuto modo di conoscere i giocatori da vicino, mia moglie ha addirittura fatto loro da Cicerone in una trasferta a Napoli”. Parlando della sua città, ecco riaffiorare prepotentemente l’animo da tifoso di calcio: “Da piccolo aspettavo fuori dal campo assieme agli altri ragazzi l’allenatore del Napoli, Ottavio Bianchi, per chiedergli di poter entrare negli spogliatoi della squadra e incontrare in nostri beniamini. Ricordo la gioia quando arrivò Maradona, le vittorie ineguagliabili e poi l’enorme tristezza delle vicende che lo hanno portato a lasciare il club partenopeo”.

Una vita vissuta al 110% in ogni ambito: Sabatino nelle sue esperienze lavorative ha girato il mondo (Belgio, Olanda, Lapponia, Australia, Brasile, Libia per citarne alcune), immergendosi in culture diverse per ampliare ancor di più la sua visione. E per quanto riguarda Refrigera Industriale parlano i risultati: l’azienda è rinata e oggi ha quote di mercato in oltre 60 paesi nel mondo. Inoltre, il nuovo stabilimento 4.0 a Pordenone, è cinque volte più grande e dotato di tecnologie all’avanguardia. Con uno sguardo a dir poco attento alla sostenibilità, tema di prioritaria importanza nella visione di Sabatino: “Sono fermamente convinto che tutti abbiamo il dovere morale di lasciare ai nostri figli l’ambiente nelle migliori condizioni possibili, anche a discapito dei profitti. Ogni prodotto Refrigera è stato progettato per ridurre al minimo l’impatto ambientale”.

L’esperienza manageriale è una competizione continua, in cui la tensione positiva sul risultato fa la differenza.

 

Vai al sito di Refrigera Industriale

 

Refrigera Industriale Srl - Via Chiavornicco, 76 - Cordenons (PN)

Torna indietro