POSTURAL PROJECT: BENESSERE E SPORT A 360 GRADI

a cura di Valentina

Postural Project è in via Treviso 58 a Silea (TV). Nelle altre foto il podologo Leonardo Moretto con Riccardo, atleta dell'U14 orogranata

 

Postural Project, partner di Volley Treviso, è un centro di medicina fisica e riabilitativa tra i primi ad adottare un approccio a 360° nella valutazione e nella cura delle patologie articolari e muscolari.

Da Postural Project la ricerca delle cause che portano al problema fisico e i metodi per la risoluzione dello stesso fanno parte di un processo che coinvolge una serie di figure professionali, che collaborano per il benessere del paziente: dal fisioterapista all’ortopedico, dal podologo al dietologo, “sinergia” è la parola chiave. Ne abbiamo parlato con Leonardo Moretto, podologo, uno dei fondatori, nel 2010, di questo centro alle porte di Treviso: “Il nostro obiettivo è sempre stato avere la visione più ampia possibile di quello che è il problema del paziente ed è il confronto costruttivo tra diversi specialisti a permetterci di farlo. Allo stesso modo, confrontandoci, studiamo la strategia migliore per risolvere la patologia alla base”. 

Come nelle società sportive professionistiche, nelle quali un’équipe di professionisti coopera per il benessere e per la performance di ogni atleta, Postural Project si avvale di tutte le figure e gli strumenti necessari per ogni paziente: “È proprio il modello dello sport di alto livello quello che abbiamo voluto portare nella vita di tutti i giorni delle persone che scelgono di rivolgersi a noi. E naturalmente collaboriamo anche con tante realtà sportive del territorio per supportare la crescita di giovani atleti, ma anche la salute di sportivi già maturi”.

In particolare, la crescita dei giovani è un tema che sta molto a cuore allo staff del centro situato a Silea: “In Italia ci sono milioni di ragazzi che fanno sport, sono loro gli atleti del domani: uno dei nostri obiettivi è di aiutare i nostri giovani pazienti a prevenire il più possibile i traumi diretti e indiretti che l’attività sportiva causa. E lo facciamo individuando la struttura motoria su cui ogni atleta agisce e fornendo i mezzi per imparare a gestirla, secondo le linee guida complementari all’età evolutiva, rispettando sempre tempi e modi”. 

Con Volley Treviso la collaborazione dura da tante stagioni e Postural Project è una preziosa risorsa per completare il lavoro di fisioterapista e preparatore atletico: “La struttura di Treviso è collaudata da anni: lavora sui giovani come ogni società sportiva dovrebbe fare e noi diamo il nostro supporto quando serve un parere più specifico, andando ad intercettare eventuali atteggiamenti posturali non corretti dei ragazzi. Lo scambio di feedback soprattutto con lo staff medico e il preparatore atletico orogranata è costante”. 

Ma lo sport agonistico non è il solo campo su cui si muove Postural Project: nel centro si sono una palestra attrezzata, sale per corsi di yoga, pilates, pancafit, rieducazione di tutti i tipi, fisioterapia, oltre agli ambulatori dove praticano specialisti tra i quali dietologi, podologi, ortpedici, fisiatri ecc. Sempre cercando di avvalersi di tecnologie all’avanguardia: tra gli ultimi arrivi in Postural Project ci sono OptoGait e Gyko, che permettono precisissime rilevazioni sulle prestazioni del soggetto e sulla cinematica di un qualsiasi segmento corporeo. Il centro di Silea però si propone di andare oltre, cercando di favorire l’attività sportiva alla base: “Ci piacerebbe riuscire ad organizzare in un futuro non troppo lontano degli screening per la prevenzione delle problematiche legate all’attività fisica nei ragazzi giovani e magari a interagire in modo più costruttivo direttamente con in genitori, che sono i primi ad avere a cuore la salute dei propri figli, che facciano sport a livello agonistico o meno. Lo sport è importantissimo e c’è bisogno che venga praticato con più consapevolezza a tutti i livelli”.

Torna indietro