NAZIONALI GIOVANILI: “CONVOCATO” ANCHE IL FISIOTERAPISTA OROGRANATA STEFANO CAL

a cura di Valentina

C’è un nuovo “convocato” in azzurro tra le file di Volley Treviso, ma questa volta non si tratta di un giocatore: stiamo parlando del fisioterapista orogranata Stefano Cal, chiamato dalla Federazione a sostituire per qualche giorno il collega della Nazionale U20. Gli azzurrini di coach Frigoni, infatti, sono nuovamente in ritiro a Darfo Boario Terme (BS) da lunedì 27 luglio, dopo aver passato qualche giorno a casa al termine del primo stage.

Fisioterapista del club trevigiano da ormai undici anni, Stefano esprime tutta la sua emozione per questa nuova esperienza: “Sono molto contento di avere questa opportunità – ci ha raccontato poche ore prima della partenza – Ho stima di tutti i membri dello staff azzurro e farne parte, anche se solo per qualche giorno, sarà emozionante. In più questa è la squadra campione del mondo in carica, uno stimolo in più”.

Facciamo un passo indietro, alla fine della stagione 2019/20: come hai vissuto lo stop anticipato ai campionati?

“È stata dura, fortunatamente siamo riusciti a restare in contatto tramite videoconferenze, ma mi è mancata davvero tanto la routine della squadra (Stefano è sempre presente ad allenamenti e gare della serie B, ndr). E’ stato importante, a mio avviso, riuscire a riprendere per qualche settimana in modo da “salutarci” prima della fine della stagione, visto che per molti ragazzi della B quest’anno coincideva con l'ultimo del percorso con Volley Treviso”.

Lo stop ai campionati ha sancito anche la cancellazione delle finali nazionali, appuntamento per te ormai fisso negli ultimi anni.

“È vero, da quando sono qui a Treviso partecipo ogni anno ad almeno una finale nazionale con le nostre squadre. La settimana di ferie dal mio lavoro (lavora come fisioterapista in un centro a Villorba, ndr) attorno a maggio/giugno per far parte dello staff alle finali e prendermi cura dei ragazzi era diventata una bella abitudine – sorride – Quest’anno è andata così, ma sono contento che sia arrivata questa chiamata in azzurro”.

Una buona parte della squadra che troverai a Darfo Boario Terme la conosci già, visto che vi fanno parte anche gli orogranata Cavasin, Ceolin, Crosato e Porro.

“Sì e mi fa veramente tanto piacere che ci sia così tanto Treviso in questo gruppo. Sarò agevolato perché ho già lavorato diversi anni con loro e li conosco bene dal punto di vista fisico. Ho cercato di prepararmi al meglio per questa nuova avventura confrontandomi prima della partenza con lo staff medico e soprattutto con il fisioterapista azzurro, che ringrazio tantissimo per la disponibilità. Mi sono reso conto che il loro metodo di lavoro e quello che abbiamo qui a Treviso sono molto affini, condividiamo diverse cose”.

A gennaio hai avuto modo di conoscere il direttore tecnico del settore giovanile maschile Julio Velasco durante la sua visita a Volley Treviso. Forse durante questo stage avrai occasione di rivederlo in palestra con la Nazionale U20. Cosa ti è rimasto del confronto con lui?

“E’ una persona molto stimolante dal punto di vista intellettivo: avevo visto molti suoi video prima di conoscerlo e dal vivo ho avuto la conferma della sua preparazione e del suo carisma. Ho cercato di prendere il più possibile da lui durante quella giornata e penso che la sua abilità stia nel toccare i tasti giusti per stimolare a ricercare continuamente il miglioramento, in ogni ambito e professione. Spero di avere la fortuna di incontrarlo ancora”.

Torna indietro