SERIE B: SABATO LA TRASFERTA CONTRO LA NEOPROMOSSA CUS TRIESTE. COACH ZANIN: “MANTENERE IL TREND POSITIVO DI GIOCO PER CONTINUARE LA CRESCITA”

a cura di Valentina

 

Dopo la vittoria in rimonta di sabato scorso contro il Massanzago, i giovani orogranata sono attesi sabato 20 febbraio in casa del Cus Trieste per la quinta giornata del campionato di serie B. Si tratta della quarta partita per i trevigiani, che hanno fatto registrare fin qui un crescendo di ritmo e di compattezza.

Analizzando quanto fatto in queste prime gare, coach Michele Zanin elogia lo spirito di squadra mostrato finora dai suoi, ma pone l’accento sulla necessità di mantenere lo standard prestativo: “Ho rivisto alcuni spezzoni della gara di sabato scorso e mi è piaciuto il comportamento dei ragazzi, soprattutto dalla panchina: non hanno mai smesso di incitare e incoraggiare i compagni, è bello per un allenatore vedere questa complicità. Dal punto di vista tecnico, la chiave è come sempre consolidare la qualità del gioco e la costanza, anche, anzi soprattutto, negli allenamenti. Insisto molto su questo coi ragazzi, giocare bene non deve essere una casualità, ma la conseguenza del lavoro fatto in settimana”.

Sabato sarà il turno del Cus Trieste; promossa d’ufficio in serie B grazie all’incredibile striscia positiva realizzata l’anno scorso in serie C prima dello stop ai campionati (quattordici vittorie a punteggio pieno su altrettante gare), oggi, dopo tre gare disputate, è ancora a secco di punti: “Trieste è un team che nelle prime uscite ha faticato a trovare il proprio gioco nei momenti chiave – spiega Zanin - ma può contare su diverse individualità interessanti, anche a livello fisico. Noi dobbiamo cercare di mantenere l’efficacia in battuta e di fare un ulteriore step raccogliendo qualcosa di più a muro, mi aspetto di più in questo fondamentale”.

Ex di turno il centrale Alessandro Michelon, quattro stagioni a Treviso per lui tra il 2010 e il 2014.

La gara, trasmessa sulla pagina Facebook del Cus Trieste, inizierà alle 17:30 e sarà diretta dalla coppia arbitrale Andrea Benedetti e Riccardo Bertossa di Gorizia.

Torna indietro