Rimonta incompleta, arriva il primo punto

a cura di Simone

TRIVIGNANO (VE). Un punticino come piccola consolazione al termine di quasi due ore e mezza di partita. Si muove la classifica di serie B2 ma questo non può bastare ai ragazzi di Michele Zanin che compiono una grande rimonta e si fermano sull'11-10 del quinto set, quando una palla sospetta permette allo schiacciatore Mioli di andare in battuta e con un ace poi chiuderà l'incontro 15-11. Un inizio di match in cui si è pagata la difficoltà a contrastare la tenacia e la veemenza deli padroni di casa che al servizio e a muro avevano messo spalle al muro i trevigiani che faticavano a restare in scia all'Agorà. Sotto 2-0 arrivava la scossa, data anche dall'ottimo ingresso in campo dei giocatori della panchina, come il centrale Gashi (alla fine 9 punti) e la banda Cester che fornivano un'alternativa in più ai propri palleggiatori e la squadra prendeva confidenza andando a impattare sul 2-2. Nel quarto set esordio in categoria anche per il secondo libero, Pinarello, entrato per l'infortunato Rossi. Tie break equilibrato fino al turno in battuta sovracitato. Arriva il primo punto, ma la strada verso la salvezza è ancora lunga.

Il tabellino
Agorà Venezia-Volley Treviso 3-2
(25-22, 25-21, 23-25, 21-25, 15-11)
Agorà Venezia:
Mioli 14, Nigris 12, Vicini 17, Vighesso 25, Disint 8, Salviato 2, Fornasini (L), Volpato. N.e.: Semenzato, Talpo, Puggiotto. All. Scaggiante.
Volley Treviso: Norbedo 5, Monari 21, Marsili 5, Bortolato 17, Nepitali 1, Luisetto, Chinellato 2, Gashi 9, Cester 11, Rossi (L), Pinarello (L2). N.e.: Durigon, Mazzon. All. Zanin.
Arbitri: Carone (Ts) e Pitsalis (Ud).
Note. Durata set: 27', 27', 27', 30', 18'; tot. incontro 2 ore 21'. Venezia: battute sbagliate 17, battute vincenti 5, muri 11, errori 18. Treviso: b.s. 16, b.v. 6, m. 6, err. 15.

Torna indietro