IL DIRETTORE TECNICO ZANIN AL RADUNO STAGIONALE: “I RAGAZZI NON VEDONO L'ORA DI COMINCIARE. IL LOCKDOWN CI HA FATTO CRESCERE, MA ORA LA VOGLIA DI RIPARTIRE E' DAVVERO MOLTA”

a cura di Valentina

Il gruppo allargato U17-U19 al primo giorno della preparazione 2020/21

 

Si respira voglia di ricominciare nel primo giorno di allenamento delle squadre di Volley Treviso, tenutosi mercoledì 26 agosto sui campi all’aperto della Ghirada. Le formazioni U15, U17 e U19 orogranata, allenate rispettivamente dai coach Diego Martin, Johnny Cappelletto e Michele Zanin, si sono radunate per cominciare la preparazione 2020/21 che in questo periodo sarà rivolta soprattutto a ritrovare la condizione atletica.

Per coach Michele Zanin, direttore tecnico del club e allenatore dell’U19/serie B, l’analisi degli ultimi mesi non è solo negativa: “Il periodo che abbiamo passato è stato molto complicato ed è arrivato in un momento in cui c’erano tutti i presupposti per un finale di stagione davvero positivo, ma è inutile pensare a quello che è stato. Volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, per noi tecnici è stato anche un momento di formazione e di crescita, nel quale abbiamo potuto confrontarci molto, lavorare a distanza e arrivare a questo inizio di stagione con tante nuove informazioni utili”.

In questa stagione, con la variazione introdotta dalla Fipav nelle categorie giovanili, affronterete il campionato di serie B con l’under 19. Cosa cambia?

“Alcuni atleti del gruppo dell’anno scorso, importanti per l’economia della squadra, avrebbero potuto giocare ancora un anno in under 20. Il cambiamento da under 20 a under 19 ci impone di giocare solo con ragazzi classe 2002 e 2003. Mancherà oggettivamente un po’ di esperienza, ma sono convinto che possiamo sopperirvi con l’entusiasmo, ho già avuto modo di vederne molto nei ragazzi quando ci siamo riuniti per gli allenamenti post-lockdown. Tutti erano estremamente carichi, nonostante le modalità di allenamento e i protocolli potessero scoraggiare e demotivare. Ho potuto constatare la gran voglia di questi giovani atleti di fare pallavolo e di farla al meglio per la propria società”.

Quali possono essere quindi gli obiettivi per questo gruppo?

“Il livello del campionato di serie B ci metterà alla prova, le squadre che affronteremo hanno più o meno mantenuto l’ossatura quindi sarà una bella sfida. Il nostro gruppo però nella scorsa stagione stava ben figurando in serie C e, ripeto, anche se nel loro bagaglio manca una parte di lavoro tecnico, sono convinto che entusiasmo e motivazioni non manchino. Si può fare bene”.

Durante l’estate, da collaboratore delle Nazionali giovanili, ha potuto prendere parte ad alcuni allenamenti della Nazionale Juniores, nella quale sono convocati gli orogranata Crosato, Ceolin, Cavasin e Porro. Come li ha trovati?

“Premetto che il gruppo Juniores è altamente competitivo, lavora con un impegno e uno spirito di collaborazione rari. Hanno già vinto un Mondiale e compiuto altre ottime prestazioni a livello giovanile, ma nonostante questo mantengono intatta la fame di risultati. I nostri ragazzi si stanno facendo valere e sono molto orgoglioso di loro: chi partiva già con un’esperienza in azzurro (Crosato e Porro, ndr) sta mantenendo un buon livello, chi invece si è inserito da quest’estate (Ceolin e Cavasin, ndr) lo ha fatto con molta energia e lavorando sodo e i risultati sono evidenti. Alcuni di questi progressi li vedremo durante la stagione visto che Federico Crosato e Vittorio Ceolin fanno parte del gruppo U19/serie B, mentre salutiamo con un grande in bocca al lupo Paolo Porro e Alberto Emilio Cavasin, che vedremo giocare rispettivamente in Superlega con Modena Volley e in serie A3 con Trentino Volley”.

Guarda l'intervista video qui:

Torna indietro